Bicarbonato

Il bicarbonato di sodio, NaHCO3 o carbonato acido di sodio, è un sale di sodio dell’acido carbonico indicato per l’uso alimentare e contraddistinto sulla confezione dalla sigla E500. Il bicarbonato di sodio viene prodotto a livello industriale con l’aggiunta di ammoniaca, anidride carbonica e cloruro di sodio: la formula chimica per la produzione industriale del bicarbonato di sodio fu messa a punto da Ernest Solvay nel 1863. Naturalmente esistono anche prodotti naturali di bicarbonato di sodio: uno dei maggiori depositi è il bacino del Green River, nell’area centrale degli Stati Uniti, mentre in Italia uno dei punti di maggiore estrazione del bicarbonato di sodio naturale si trova nelle cave di Rosignano, in Toscana. In cucina il bicarbonato di sodio viene utilizzato innanzitutto per poter pulire la frutta e la verdura: è sufficiente immergerli all’interno di un recipiente di acqua in cui avrete disciolto un cucchiaino di bicarbonato. Unito agli alimenti secchi prima dell’impasto, il bicarbonato favorisce la lievitazione: è necessario però setacciarlo prima di inserirlo per evitare che formino grumi e amalgamarlo in modo uniforme. La salsa di pomodoro può causare acidità di stomaco: per ovviare a questo inconveniente, è possibile aggiungere un pizzico di bicarbonato dentro la salsa per aumentarne la digeribilità.

Storia

Il bicarbonato di sodio veniva usato anche anticamente per le sue ottime proprietà conservative e disinfettanti. In particolare nell’antico Egitto la parola natron indicava un miscuglio di bicarbonato e carbonato di sodio che veniva utilizzato nelle sofisticate tecniche di imbalsamazione. Inoltre veniva utilizzato per poter pulire i tessuti o per la produzione di saponi. La vera e propria produzione industriale del bicarbonato di sodio nacque intorno alla fine del XVIII quando Nicolas Le Blanc ottenne una reazione chimica ad alte temperature in grado di convertire il sale in soda che però causava non pochi rifiuti tossici. Nel 1863 il processo di Le Blanc fu perfezionato e infine sostituito dal procedimento inventato da Ernest Solvay: di basso impatto ambientale, non richiedeva alte temperature e non formava sottoprodotti tossici. Da quel momento in poi il procedimento di Solvay divenne l’unico modo per poter produrre bicarbonato di sodio in tutta Europa.

Proprietà

Il bicarbonato di sodio è una sostanza molto versatile che viene utilizzata per molti scopi diversi.  Il bicarbonato facilita la digestione ed è ottimo per l’igiene orale, viene utilizzato per sbiancare e lavare i denti, per risciacqui in sostituzione del collutorio ed è indicato anche per poter contrastare l’alito cattivo e anche gli odori sgradevoli. È ottimo per la cura del corpo e l’igiene intima e visto che si tratta di una sostanza antisettica e battericida può sostituire il deodorante. Inoltre il bicarbonato sostituisce il sapone nella pulizia delle mani, può essere utilizzato come shampoo e un pediluvio con il bicarbonato conferisce immediato sollievo a piedi doloranti. Il bicarbonato di sodio può essere utilizzato per disinfettare e pulire oggetti ed utensili di uso quotidiano ed è ottimo per lucidare l’argenteria.

Varietà

Esistono diversi tipi di bicarbonato di sodio. Innanzitutto è necessario distinguere fra bicarbonato naturale e chimico. Il bicarbonato di sodio è un sale di sodio che viene usato in ambito domestico; il bicarbonato di ammonio è utilizzato invece come ammoniaca per dolci mentre l’idrocarbonato è un ossoanione del carbonio.

Prezzo

È possibile acquistare il bicarbonato di sodio in tutti i supermercati: una confezione da un chilo costa 2.10 euro.

Curiosità

Una semplice ciotola di bicarbonato in frigorifero vi aiuterà ad eliminare tutti i cattivi odori. Ricordate di non utilizzare mai contemporaneamente bicarbonato e aceto visto che una delle sostanze annulla l'altra, ma tenete presente che utilizzare entrambe le sostanze aiuta lo sblocco degli scarichi domestici.