Cannella

La cannella (Cinnamomum zeylanicum) è un piccolo albero sempreverde originario dello Sri Lanka e appartenente alla famiglia della Lauracee dal quale si ricava l’omonima e preziosa spezia. Anche se l’albero è originario dello Sri Lanka, nel corso degli anni è stata esportato anche in altri diversi Paesi tropicali,dal Madagascar alle Antille. La cannella è una spezia particolare visto che è l’unica che si ricava direttamente dai rami della pianta: in pratica prima vengono tagliate le parti della corteccia e poi vengono essiccate. La parte esterna viene via ed eliminata fino a quando la cannella non assume il classico aspetto a bastoncino.

La qualità della cannella dipende infatti dall’età dei rami da cui viene ricavata: tenete presente che, più giovani sono i rami, migliore è la qualità della cannella ricavata. La cannella, dal gusto inconfondibile, pungente e dolce, viene utilizzata in cucina per poter aromatizzare i cibi. In Occidente viene utilizzata soprattutto per aromatizzare i dolci. È ottima con i dolci di frutta (in particolare con le mele) e si adatta molto bene al cioccolato, alla panna montata, alle meringhe o ai gelati. In Oriente viene utilizzata soprattutto per insaporire pietanze salate.

Storia

La cannella è una spezia molto antica citata anche nella Bibbia. Veniva regolarmente usata dagli Egizi per le operazioni di imbalsazione. Utilizzata anche dai greci e dai romani, si diffuse rapidamente in tutta Europa durante il Medioevo. Furono però gli olandesi a importarla nello Sri Lanka intorno alla prima prima del Seicento e diventando ben presto i primi importatori di questa preziosa spezia in tutta Europa. La cannella è una spezia diffusa praticamente in tutto il mondo anche se diversamente utilizzata in base alle tradizioni locali.

Proprietà

La cannella è una spezia composta per il 10% da acqua, proteine, ceneri, zuccheri, fibre e pochi grassi. È piuttosto ricca di sali minerali, tra cui il calcio, il manganese, il magnesio, il ferro, il potassio, il fosforo, il sodio, il selenio e lo zinco. Contiene vitamina A, alcune vitamine del gruppo B (B1, B2, B3, B5, B6), vitamina C, vitamine E, K e J. La cannella è ottima per insaporire i cibi, ma presenta anche ottime proprietà. La presenza di un particolare enzima, la tripsina, favorisce la digestione attraverso la scissione dei grassi; inoltre è un potente antiossidante e un antisettico naturale, ottima contro l’alitosi e il raffreddore. La cannella aiuta ad abbassare la glicemia, a ridurre l’ipertensione arteriosa, il peso in eccesso ed è ottima contro la fermentazione addominale. La cannella non va somministrata ai bambini di età inferiore ai due anni.

Varietà

Dallo stesso tipo di pianta si ricavano in realtà diversi tipi di spezie diverse che appartengono alla famiglia delle Lauracee: due in particolare sono le specie più diffuse. La Cinnamomum zeylanicun, originaria dello Sri Lanka, è la varietà più pregiata, detta anche Cannella regina, dal sapore dolce e dall’aroma raffinato. L’altra varietà, la Cinnamomum cassia proviene invece dalla Cina ed è la meno pregiata, la più diffusa e la meno pregiata.

Prezzo

Ormai è possibile acquistare la cannella in tutti i supermercati anche se resta una spezia piuttosto costosa: una confezione da 20 grammi di cannella regina costa circa 2 euro, mentre un confezione di cannella in polvere da 30 grammi costa circa 1.50.

Curiosità

Le medicine Ayurvedica e cinese sfruttano da sempre le proprietà della cannella per il trattamento dei dolori mestruali e per i disturbi intestinali. Inoltre l'olio essenziale di cannella favorisce la circolazione, se opportunamente frizionato. I bastoncini di cannella devono essere conservati in barattoli di vetro ben chiusi e lontani dal calore e dalla luce in modo tale da poter conservare tutto il loro aroma.