Mandorle

Le mandorle appartengono alla categoria della frutta secca, esse si presentano con una forma ovalica e sono contenute nei classici gusci che crescono sul mandorlo. Si tratta di una pianta che cresce principalmente nelle zone della Sicilia e della Puglia, anche se con il passare degli anni tale coltivazione è diminuita notevolmente.

L’uso delle mandorle avviene principalmente in cucina, queste possono essere mangiate al naturale oppure secche, il loro sapore è dolciastro. In genere le mandorle donano quel tocco in più al gusto dei dolci, i confetti ed i torroni ad esempio sono realizzati proprio con questo tipo di frutta secca. Le mandorle sono ottime anche per qualche secondo di carne molto particolare, nonché per conferire un tocco in più alla presentazione di diverse pietanze.

Storia

Le mandorle hanno avuto origine nelle zone asiatiche: le prime piante fecero la loro comparsa in Giappone, Asia ed anche in Russia, ma già nel 5000 a.c si parlava di questo particolare frutto. In Italia le mandorle sono arrivate grazie ai Fenici che le importarono principalmente in Sicilia, ecco perché le migliori mandorle derivano da quest'isola. Attraverso i vari commerci nel Mediterraneo, che videro sempre protagonisti i Fenici, le mandorle si diffusero poi anche nella Magna Grecia, è qui che si iniziò ad utilizzarle principalmente in campo culinario. Successivamente, attraverso i viaggi di Cristoforo Colombo in America, le mandorle comparvero anche in quest'altra zona del mondo.

Proprietà

Trattandosi di frutta secca, le mandorle contengono importanti valori nutrizionali per l'organismo umano. Bisogna però precisare che l'apporto lipidico è alquanto sostanzioso, è consigliabile quindi usare le mandorle in campo alimentare in maniera responsabile, senza praticamente abusarne. Tralasciando il pericolo grassi, le mandorle sono una fonte inesauribile di sostanze positive per la salute dell'uomo. Esse infatti contengono molte proteine, vitamine del gruppo B ed E, magnesio, fosforo, ferro, potassio e rame. Nel campo prettamente salutare le mandorle sono utilissime per favorire la pulizia dell'intestino e della vescica, inoltre hanno un alto livello energetico e possono aiutare a riacquistare le forze nei periodi di debolezza fisica. Grazie all'apporto della vitamina E, le mandorle aiutano anche a prevenire il rischio di infarto.

Varietà

Le mandorle si distinguono tra quelle dolci e quelle amare, anche se queste ultime non sono utilizzate in campo culinario in quanto contengono una sostanza tossica, l'amigdalina, che può mettere a rischio la salute dell'uomo. Dalle mandorle dolci è possibile estrarre il classico olio ed il latte. Nel primo caso l'uso è prettamente cosmetico, infatti l'olio di mandorle è in grado di ammorbidire la pelle ed è un ottimo rimedio contro le smagliature. Il latte di mandorle, invece, è una bevanda rinfrescante ed energetica di uso comune soprattutto in estate, quando le alte temperature indeboliscono notevolmente l'organismo umano. Le mandorle si consumano solitamente anche secche, dolci e salate a seconda dei propri gusti alimentari e dell'utilizzo che si intende farne.

Prezzo

Le mandorle possono essere acquistate sgusciate oppure intere, con notevoli variazioni di prezzo. Inoltre, questo aumenta quando si parla di mandorle biologiche. In genere un chilo di mandorle sgusciate parte da 10 euro circa, mentre col guscio costano circa la metà. Bisogna poi tener conto anche delle variazioni di prezzo che ci sono da luogo a luogo.

Curiosità

Le mandorle sono protagoniste di numerose leggende antiche. Tra queste, particolarmente interressante è quella che narra la vicenda di Fillide, principessa della Tracia, che un giorno incontrò Acamante, un giovane guerriero diretto a Troia per combattere la guerra. I due si innamorarono follemente, ma Acamante dovette lasciare la giovane per continuare il viaggio verso Troia. Dopo dieci anni, Fillide, non vedendo più tornare il suo amato, decise di togliersi la vita, pensando che fosse morto. In realtà Acamante era vivo e la dea Atena, molto commossa per questa vicenda amorosa, trasformò il corpo di Fillide in una pianta di mandorlo, che iniziò a fiorire non appena Acamante arrivò. Ecco perché le mandorle sono viste come il frutto simbolo dell'amore.