Il futuro della cucina sta riservando già oggi diverse sorprese, alcune delle quali sono state svelate in questi ultimi giorni. Non si tratta soltanto degli avveniristici chef-robot, ma anche di algoritmi e stampanti 3D di cibo. Di cosa si tratta esattamente? Quella dell’algoritmo è una novità da approfondire nel dettaglio. Su Amazon Usa sta a dir poco spopolando il primo ricettario che è nato proprio grazie a un complesso calcolo matematico.

L’algoritmo in questione è stato scritto direttamente dal super computer della IBM, Watson, il quale è riuscito a suggerire combinazioni di ingredienti e ricette che poi sono state riunite idealmente in un volume curioso. Questo progetto, pensato da tempo dall’Institute of Culinary Education di New York, prevede che il libro diventi ora un’app per gli smartphone, in modo da aver sempre a portata di click un valido alleato in cucina, una sorta di “suggeritore”.

Il funzionamento è presto detto: il sistema è dotato di proiettori e fotocamere, dunque il tavolo da cucina viene esaminato in ogni minimo dettaglio e si “intuisce” l’utilizzo migliore dei vari ingredienti e la loro interazione in tempo reale. Lo stesso discorso può essere fatto per le stampanti 3D, da cui ci si attende molto per quel che riguarda i prossimi anni.

Il materiale commestibile è stato utilizzato sin dal debutto di questi strumenti innovativi, tanto è vero che si è pensato immediatamente di sfruttare la tecnologia in questione per le missioni nello spazio. L’idea fissa per il futuro è quella di creare una stampante che sia capace di stampare cibo di diverso tipo e non soltanto una pietanza singola. Il traguardo sembra piuttosto vicino in Germania, con una start-up locale che sta lavorando a un progetto molto interessante.

La Print2Taste, infatti, ha deciso di creare un apposito kit con delle periferiche in miniatura da collegare alla stampante: le cartucce, inoltre, saranno diverse in base al cibo o alla ricetta che si vuole ricavare, una iniziativa che diventerà presto realtà, visto che il progetto Bocusini (questo il nome ufficiale) verrà lanciato il prossimo mese di maggio e cercherà di raccogliere più finanziamenti possibili sul sito web Kickstarter.com, la più grande piattaforma al mondo per quel che riguarda i progetti creativi.