Cipolle

La cipolla (o Allium cepa L.) è un particolare tipo di pianta bulbosa tradizionalmente appartenente alla famiglia delle Liliaceae: si presenta con le radici superficiali e con le foglie che danno origine alla vera e propria parte commestibile.

La cipolla viene utilizzata praticamente nelle cucine di tutto il mondo come condimento, conferendo un aroma inconfondibile e un sapore dolce che esalta ogni tipo di pietanza. Qualche esempio? Oltre ad essere utilizzata come base per il soffritto, la cipolla può essere utilizzata anche come ingrediente per la frittata di cipolle, per le insalate fresche, per la preparazione della peperonata, inoltre è protagonista in molti piatti internazionali. Due grandi classici sono la zuppa di cipolle francese e gli onion rings americani, anelli di cipolle tagliati, ripassati nella pastella e poi fritti. Insieme a sedano e carota, la cipolla è uno dei tre odori principali.

Storia

Ritrovamenti archeologici confermano che la cipolla è un alimento consumato fin dai tempi più antichi: molto probabilmente la coltivazione è cominciata in Egitto circa 2000 anni fa insieme al porro, molto simile alla cipolla, e all’aglio. Tra l’altro in Egitto la cipolla era in qualche modo venerata per via della sua forma sferica che simboleggiava la vita eterna. In Grecia invece questo tipo di bulbo era uno dei cibi preferiti dagli atleti e nell’antica Roma, inoltre i gladiatori si cospargevano i muscoli di cipolla per poterli rassodare. Nel Medioevo le cipolle cominciarono a diffondersi come cibo in tutti gli strati della popolazione, ma venivano usate anche in medicina per contrastare ad esempio la caduta dei capelli. A partire dal 1492, Cristoforo Colombo esportò la cipolla anche in America.

Proprietà

La cipolla è ricca di sostanze nutritive, vale a dire di sali minerali, oligoelementi (tra cui zolfo, ferro, potassio, magnesio, fluoro, calcio, manganese e fosforo), vitamine (vitamina C in particolare, ma anche A, complesso B ed E), mentre i flavonoidi presenti svolgono un'azione diuretica. La cipolla inoltre ha una funzione antidiabetica e favorisce la digestione grazie alla presenza di fermenti che stimolano il metabolismo. Se la cipolla invece causa cattiva digestione è meglio mangiarla cotta, anche se in qualche modo vanno perse alcune delle sue proprietà nutritive. La cipolla inoltre viene utilizzata anche per diversi scopi terapeutici: svolge una funzione antibiotica e antibatterica semplicemente con l’applicazione sulla parte da trattare, mentre il succo della cipolla viene utilizzato molto spesso per la sua funzione depurativa dato che favorisce la circolazione del sangue, abbassando il colesterolo e la pressione arteriosa.

Varietà

Le cipolle non sono tutte uguali dato che ne esistono molte diverse varietà che vengono classificate in base alla forma, al colore della buccia, alle dimensioni del bulbo, ma anche alla zona di coltivazione, tuttavia fondamentalmente possiamo distinguere tre diversi tipi di cipolla. La cipolla bianca è quella estiva e dolce, adatta soprattutto ad essere consumata fresca (tra cui i Cipollotti o la cipolla Borretana); la cipolla bionda o ramata (la cipolla ramata di Montoro ad esempio) sono indicate per il consumo fresco, ma anche per la lunga conservazione; la cipolla rossa, adatta soprattutto al consumo fresco. Fra le cipolle rosse più famose ricordiamo la cipolla rossa di Tropea (IGP), il Cipollotto Nocerino (DOP), la cipolla rossa di Acquaviva delle Fonti e la cipolla rossa di Certaldo.

Prezzo

Le cipolle sono piuttosto economiche, anche se il prezzo tende a variare in base alla varietà: un chilo di cipolle bianche costano circa 1.60 euro, mentre per un chilo di cipolle rosse il prezzo tende ad aumentare, attestandosi intorno a 1.80 euro al chilo.

Curiosità

La cipolla era quasi venerata presso gli antichi Egizi che credevano che il suo aroma facesse resuscitare i morti ridonando loro il respiro: inoltre la forma concentrica degli anelli veniva associata alla vita eterna. Non tutti sanno che la cipolla è ricca di oli essenziali e che viene spesso utilizzata anche in fitoterapia per curare ascessi o geloni. La cipolla, inoltre, viene utilizzata anche in cosmetica, ottima per le pelli secche, ma anche per ritardare la caduta dei capelli. In omeopatia viene anche suggerita in caso di raffreddore. In cucina, per prevenire la lacrimazione, inevitabile quando la cipolla viene a contatto con gli occhi, è necessario immergerla nell’acqua fredda per almeno un’ora prima di affettarla.