Miele

Il miele è un prodotto alimentare generato dal lavoro delle api che, attraverso le secrezioni dei fiori e di altri insetti, producono questo squisito alimento ricco di sostanze nutritive importanti per la salute dell’organismo umano. E’ fondamentale che la mano dell’uomo non alteri la naturalezza di questo prodotto, altrimenti si rischia di perdere tutte le sue proprietà organolettiche. A tal fine è importante che il miele in cucina venga essere utilizzato nel suo stato naturale, ciò significa che non deve essere sottoposto alle alte temperature. Cucinare il miele, quindi, non ha molto senso, è consigliabile consumarlo su una fetta di pane o per accompagnare del formaggio.

Storia

Per tantissimi anni il miele è stato l'unico dolcificante naturale utilizzato dall'uomo: la storia è infatti piena di vicende in cui il miele è il principale protagonista. Le più grandi popolazioni storiche del mondo si sono sempre affidate al miele non solo in campo culinario, ma soprattutto in quello medico. Già nel 4000 a.c. si utilizzava il miele, la storia narra che nell'antico Egitto fecero la loro comparsa i primi apicoltori che seguivano lungo il Nilo la fioritura delle piante. Furono poi i Romani ad occuparsi dell'importazione del miele dalla Spagna, da Creta, da Malta e da Cipro. Con il passare dei secoli e l'avvento dello zucchero raffinato industriale, il miele è stato poi messo praticamente da parte.

Proprietà

Sono alquanto importanti le proprietà nutrizionali del miele, ma come già detto precedentemente è indispensabile che venga consumato al naturale per evitare che queste svaniscano. Il miele è ricco di zuccheri semplici, come fruttosio e glucosio, inoltre contiene numerose vitamine, oligoelementi (rame, manganese, iodio, silicio e cromo), enzimi e sostanze battericide.

  Grazie a tutte queste proprietà il miele è una vera fonte di salute per l'organismo umano. In primis permette di migliorare le vie respiratorie calmando tosse e svolgendo un'azione decongestionante, ma i suoi benefici sono molteplici: regola l'apparato digerente, garantisce maggiore resistenza dei muscoli, disintossica il fegato, aiuta a rinforzare le ossa, svolge un'azione diuretica e migliora la circolazione sanguigna

Varietà

Esistono tante varietà di miele, legate al tipo di fiore su cui le api si posano. Proprio per questo esistono oltre cinquanta sostanze diverse che caratterizzano i vari tipi di miele, ma solitamente sul mercato si trovano solo alcune varietà ed ognuna presenta delle proprie caratteristiche importanti per la salute dell'organismo umano. Il miele può presentarsi dal colorito giallo chiaro ad un ambrato scuro, qui è il sapore a variare, molto più dolce quando è chiaro e amaragnolo nella versione scura. Ritroviamo quindi, tra le varietà più diffuse, il miele d'acacia (chiaro e dolce), il miele di arancio (ambrato chiaro e ideale contro il nervosismo), il miele di castagno (scuro e più amaro), il miele di erba medica (ambrato e molto profumato), il miele di eucalipto (scuro ed aromatico), il miele di girasole (giallo intenso ed ottimo contro il mal di gola), il miele di tiglio (colore chiaro e sapore delicato).

Prezzo

Visti i vari tipi di miele, che solitamente sono venduti nel classico barattolo di vetro, il prezzo non è mai standard. In genere un barattolo da 1 kg di miele d'acacia costa circa 11 euro, mentre quello di castagno o di girasole può arrivare anche a costare 13 euro.

Curiosità

Il miele nell'antichità era usato per particolari riti. Ad esempio, gli Egizi erano soliti poggiare grandi coppe colme di miele accanto alle mummie affinchè questo cibo le accompagnasse serenamente nel loro viaggio verso il mondo dei morti. Nella mitologia greca, invece, il miele era considerato il cibo degli dei.