Latte di cocco

Il latte di cocco viene estratto dal cocco (Cocos nucifera), un frutto esotico che viene coltivato nei paesi tropicali, soprattutto in Indonesia, India e Thailandia. Al momento dell’acquisto, scuotendo la noce, viene valutata la presenza dell’acqua: una volta che se ne sia accertata la freschezza, c’è anche la possibilità di estrarre il latte di cocco, altamente proteico e risorsa alimentare per circa 400 milioni di abitanti sulla Terra. Il latte di cocco non va confuso con il liquido contenuto nella noce di cocco, ma si tratta della polpa del frutto che viene trattata con acqua. In tutta la cucina orientale il latte di cocco viene considerato un vero e proprio alimento base che nel corso degli ultimi tempi si è affermato anche nella nostra alimentazione: tra l’altro è ampiamente utilizzato anche in sostituzione di panna e burro come base per i risotti o per i piatti di carne, per insaporire il pesce e come ingrediente per il cocktail Batida de Coco, mescolato insieme allo zucchero e alla cachaca.

Storia

Il cocco è una pianta originaria dell’arcipelago indonesiano che si è diffusa in tutta l’area dell’Oceano Pacifico: scoperta da spagnoli e portoghesi in seguito all’esplorazione della coste occidentali fu poi coltivata anche sulla coste orientali. Nei paesi tropicali il latte di cocco è sempre stato utilizzato non solo in ambito gastronomico, ma anche come sostituto del latte materno per l’alimentazione dei neonati. Altamente energetico, il latte di cocco è stato particolarmente utile anche durante la Seconda Guerra Mondiale: dopo un trattamento particolare il latte di cocco veniva iniettato in endovena nei soldati malati perché forniva un elevato livello di zucchero sviluppando subito la risposta adrenalinica.

Proprietà

Il latte di cocco contiene vitamine e sali minerali, in particolare potassio che riequilibra la pressione arteriosa e migliora il tono muscolare. È ricco di proteine e carboidrati, ottimo per sportivi, anziani e bambini, favorisce la digestione ed è rinfrescante, inoltre la presenza dell’acido laurico, contenuto anche nel latte umano, lo rende benefico per le ossa. Non contiene glutine e difficilmente può causare intolleranze. Ricco di lipidi e di grassi, il latte di cocco non è alimento adatto alle diete ipocaloriche visto che 100 grammi di prodotto contengono circa 360 calorie.

Varietà

Il latte di cocco è un particolare tipo di latte di origine non animale: è molto dolce e ricco di zuccheri, ma non contiene lattosio e non va assolutamente confuso con l'acqua di cocco, un liquido contenuto all’interno del cocco, povero di carboidrati e di grassi.

Prezzo

È possibile acquistare il latte di cocco in tutti i supermercati: generalmente viene venduto in confezioni di lattine o tetrapak. Una confezione da 300 grammi generalmente viene venduta a circa 3,50 euro. Attenzione perché la superficie del latte di cocco presenta una pasta spessa che galleggia e che potrebbe essere erroneamente scambiata per segno di deterioramento. Prima di consumare il latte di cocco è consigliabile agitare bene la confezione.

Curiosità

È anche possibile preparare il latte di cocco da soli in casa: è sufficiente grattugiare 200 grammi di polpa di cocco fresca e poi ricoprirla con il doppio del quantitativo di acqua calda. Una volta che l’acqua si sarà raffreddata, sarà possibile filtrare il composto con del panno di cotone. Da un punto di vista estetico il latte di cocco viene utilizzato anche nelle creme e negli shampoo per rendere morbidi pelle e capelli.