-->

Un gusto unico, un successo innegabile e una storia relativamente breve alle spalle. La torta mimosa è il dolce tipico dell’8 marzo, quella che è conosciuta universalmente come la “Giornata della donna”: l’idea è molto semplice, si tratta di disporre pezzetti di pan di Spagna intorno alla torta in modo che possano ricordare appunto la mimosa, il fiore simbolo della giornata stessa. La preparazione è abbastanza semplice, anche se è necessaria un po’ di pazienza.

La preparazione della torta
Si comincia con una fetta orizzontale di pan di Spagna e la parte interna da rimuovere e sbriciolare per creare il già citato “effetto-mimosa”. Nella pasta si può utilizzare un liquore dolce (ad esempio il marsala), ma esistono anche delle varianti del dolce che prevedono l’utilizzo del succo d’ananas. Per quel che riguarda la farcia nel restante pan di Spagna, invece, è composta da crema pasticciera, a cui aggiungere eventualmente panna montata o marmellata a seconda dei gusti. Tra l’altro, è possibile impiegare anche frutta fresca, in primis l’ananas che col suo colore si sposa benissimo con la torta. C’è un’ulteriore curiosità, poi, vale a dire l’uso della curcuma per intensificare il giallo delle briciole, operazione che non è comunque obbligatoria.

La Giornata della donna
Ma chi ha inventato ufficialmente una delizia simile? Non esiste un nome o una figura di riferimento, come già sottolineato l’introduzione della torta mimosa è piuttosto recente e si deve al nostro paese. In effetti, dopo aver ricordato che la data dell’8 marzo venne scelta nel 1911 negli Stati Uniti per commemorare la morte di 129 operaie in una fabbrica americana tre anni prima e che nel 1946 si scelse la mimosa come fiore, in quanto “povero” e “facile da trovare nelle campagne”, già negli anni Cinquanta del secolo scorso i festeggiamenti furono accompagnati dal dolce.

La nascita del dolce
In un ideale viaggio del tempo bisogna tornare indietro nella Roma degli anni Cinquanta del secolo scorso. C’è però chi sposta geograficamente (anche se non di molto) questo debutto ufficiale: si parla della genialità di un cuoco di Rieti che aveva il proprio ristorante nel centro della città laziale, Adelmo Renzi. Quest’ultimo partecipò a un concorso di torte a Sanremo nel 1962 e il suo dolce trionfò: la mimosa era stata scelta più per omaggiare la città dei fiori, mentre la ricetta non è mai stata rivelata.