-->

La verdura è un alimento fondamentale della dieta di ogni giorno, che chiede di essere consumata fresca per apportare vitamine e sali minerali preziosi per l’organismo. Quando ci si reca al mercato o dal fruttivendolo, non è spesso possibile acquistare la ‘giusta’ quantità di verdura, quindi è naturale che si creino delle piccole scorte, che possono essere conservate in frigorifero. Come conservare la verdura in frigorifero perché non si sciupi e non perda le sue caratteristiche organolettiche?

Alcuni tipi di verdura sono più forti di altri, ovvero deperiscono meno in fretta. Di base le melanzane, le zucchine e le carote durano molto di più della verdura a foglia verde come il radicchio o la lattuga, per fare un semplice esempio.

Una volta tornati dal mercato o dal fruttivendolo è quindi importante aprire le confezioni di verdura, perché solitamente viene fornita con sacchetti di plastica che non le permettono di respirare. La verdura può quindi essere lavata per bene, per eliminare residui di terra che potrebbero sporcare il frigorifero e anche gli antiparassitari che potrebbero liberare sostanze sgradite e poco salutari. Dopo averla lavata per bene, la verdura va quindi asciugata con cura e quella verde va lasciata arieggiare in un canovaccio pulito.

La scelta migliore per conservare la verdura in frigorifero è quella di impiegare dei sacchetti di cotone o di carta e non di materiali plastici, perché in questo modo i vegetali possono respirare e quindi deperire meno in fretta. Al contempo, se si procede a svolgere questa operazione quando si acquista la verdura servirà meno tempo per cucinarla, perché la fase di preparazione è già stata fatta.

Per quanto riguarda la disposizione nel frigorifero, i nuovi modelli di elettrodomestici prevedono la presenza di apposite vaschette adatte a contenere con ordine la frutta e la verdura. Di base è preferibile alloggiare i vegetali nella parte più bassa del frigorifero, dove la temperatura è calibrata e dove possono mantenersi divisi dagli altri alimenti.