-->

Diciamo la verità: a prima vista i ricci di mare possono anche incutere un certo timore. Esattamente come i ricci sono pieni di spine che possono pungere e fare davvero male fino a infettarsi. In cucina però vengono spesso e volentieri serviti come antipasto crudo o per condire la pasta: un classico della tradizione culinaria italiana sono proprio gli spaghetti ai ricci di mare. Ma come aprire i ricci di mare? In realtà basta conoscere la tecnica e procurarsi un paio di forbici: vedrete che sarà davvero molto facile.

Innanzitutto dovrete prendere il riccio di mare in mano: per evitare di entrare a contatto con gli aculei potreste avvolgerlo all’interno di un panno e lavorare sulla parte esterna. Adesso dovrete identificare la bocca che potrete riconoscere grazie alla presenza di un piccolo buchino. Prendere le forbici e incidete il vostro riccio di mare lateralmente: cominciate a tagliare orizzontalmente andando a tagliare praticamente a metà il riccio di mare. Adesso togliete la parte superiore, eliminate l’acqua che trovare all’interno e con un cucchiaino prendete la polpa, passandola delicatamente sotto l’acqua per pulirli. In realtà la polpa dei ricci di mare è davvero pochissima, per cui dovrete aprirne un bel po’ per aromatizzare i vostri piatti, ma ne varrà davvero la pena!