-->

Negli ultimi anni l’Italia ha vissuto una vera e propria ‘colonizzazione’ di ristoranti che propongono sushi a nastro, sushi al tavolo e sushi su ordinazione. Ma come è possibile capire se il cibogiapponese‘ che ci viene servito è realmente un cibo tradizionale, o se si tratta di una rivisitazione cinese?

E’ importante chiarire che l’aspetto culturale conta molto in questa discussione, perché secondo i dati la quasi totalità dei sushi bar che servono questo alimento nel nostro paese vantano una gestione cinese. Si tratta, in altre parole, di una ‘imitazione’ che non viene preparata da veri chef giapponesi, ma dai ‘cugini‘ che la sanno sicuramente preparare, ma con variazioni che spesso ne diminuiscono il valore nutrizionale e anche la bontà.

Non dobbiamo mai dimenticare che il sushi è un cibo pregiato, che fa parte della cultura giapponese e che quindi merita di essere considerato nelle sue origini come un piatto molto prelibato, ma altrettanto particolare e quindi costoso. Le materie prime devono infatti essere freschissime, preparate con tecniche antiche e servite con rituali ben definiti.

Lo stesso governo giapponese, un po’ infastidito dalla nascita di tanti punti di vendita di sushi in Occidente, ha deciso di istituire un bollino blu, dedicato ai veri chef giapponesi e alle persone che propongono questo tipo di cultura gastronomica. Il bollino sarà definito nel corso dei prossimi mesi e aiuterà i consumatori a capire quando stanno assaporando un vero sushi originale, oppure una ‘controfigura’ di matrice cinese. Di base, il bollino verrà consegnato ai cuochi che si recheranno in Giappone per seguire dei corsi di durata variabile e quindi ricevere l’attestazione che permette di proporre la cucina tradizionale giapponese in tutto il mondo.

Nel frattempo, i consumatori che desiderano mangiare vero sushi devono informarsi sulla provenienza dei cuochi e anche sulle tecniche di preparazione. Il buon senso può inoltre aiutare molto e si basa sullo studio dei prezzi. E’ comprensibile che il sushi di pregio non può essere proposto in menù ‘pacchetto‘ dal costo di pochi euro, quindi attenzione ai locali cinesi che propongono menù a prezzo fisso o ai sushi a nastro, perché difficilmente potrebbe trattarsi di sushi vero e preparato secondo i rigidi dettami della tradizione nipponica.