-->

Il junk food? È terribilmente dannoso soprattutto per i bambini e non solo per il fisico, ma anche per il cervello visto che ridurrebbe addirittura il quoziente intellettivo. Questo almeno è quanto sostiene una ricerca condotta dalla dottoressa Sophie Von Strumm, del Dipartimento di Psicologia della Goldsmiths University of London, che ha voluto indagare sulle possibili correlazioni fra l’alimentazione e lo sviluppo cognitivo dei bambini.

Condotto su 4.000 bambini scozzesi di età compresa tra i 3 e i 5 anni, in effetti lo studio ha dimostrato che i bambini alimentati con cibi sani sembravano avere un QI (Quoziente Intellettivo) superiore rispetto ai coetanei che mangiavano con una certa regolarità cibo spazzatura.

Tra l’altro lo studio ha messo in evidenza che la predilezione verso il cibo spazzatura viene spesso dettata da fattori sociali: sono infatti le famiglie meno abbienti che spesso hanno a disposizione meno tempo per la preparazione dei pasti a ripiegare sul fast food incrementando anche le cattive abitudini alimentari dei bambini. I risultati dello studio hanno chiaramente evidenziato i benefici di un’alimentazione sana soprattutto nei bambini piccoli. Insomma, mangiare al fast food non rappresenta certo la scelta migliore e dovrebbe essere più che altro un’eccezione, ma non diventare la regola…