-->

Siete golosi e non sapete resistere a dolci? Attenzione soprattutto nel periodo della festività quando fare il pieno di dolci, fra torroni, pandori, cioccolata e panettoni, diventa ancora più facile. Dietro l’angolo non c’è solo il rischio di vedere lievitare rapidamente il girovita, ma anche quello di danneggiare seriamente la propria memoria fino a comprometterla irreversibilmente.

Sembra infatti che le classiche abbuffate di dolci possano compromettere seriamente le proprie capacità cognitive cerebrali. Lo sostiene un recente studio condotto dai ricercatori della School of medical science della University of New South Wales di Sydney, che hanno condotto la loro ricerca su un gruppo di topi. In pratica, un elevato apporto di zuccheri va a scatenare uno stato infiammatorio nell’area occupata dall’ippocampo, l’area in particolare dedicata alla memoria spaziale. L’alterazione di quest’area va a provocare problemi di vario genere, dato che la memoria spaziale viene usata per regolare azioni molto comuni di carattere quotidiano.

Lo studio tra l’altro ha messo in evidenza che il danno cerebrale è irreversibile e si presenta anche nel caso in cui si segua una dieta sana ed equilibrata. Insomma una semplice abbuffata di dolci può rivelarsi estremamente pericolosa per il nostro cervello tanto che i ricercatori sostengono che possa essere una delle cause che contribuiscono al declino cognitivo.