-->

Di app pensate per rendere più semplice la vita di ristoratori e clienti ce ne sono moltissime, ma Tasteet non è la solita idea venuta in mente per favorire il consumatore finale. Si tratta della prima piattaforma che consente di gestire i menù dei locali direttamente dallo smartphone. In che modo funziona? L’applicazione è l’ideale per la scelta del ristorante e la conseguente consultazione dei piatti proposti.

I fondatori della piattaforma sono due, Alessandro Coltro e Lorenzo Cesana. A voler essere sinceri, il loro progetto iniziale non è esattamente quello di cui si sta parlando ora: l’app era stata “modellata” in modo tale da consentire alla clientela di scegliere il ristorante in base al piatto preferito. Si è poi scelto di modificare l’obiettivo finale e il servizio offerto è stato rivolto direttamente ai ristoratori.

Tasteet prevede un primo mese gratuito di prova, utile per far capire ai fruitori le sue potenzialità. Terminato questo periodo, poi, si paga una tassa ogni anno per gestire i menù appunto. Uno dei vantaggi è quello dell’integrazione dell’app su un social network importante come Facebook, senza dimenticare che la stessa operazione può essere effettuata sui siti internet personali.

In aggiunta, è possibile modificare la landing page messa a disposizione in automatico dal servizio: in pratica, è la pagina web a cui l’utente accede dopo aver cliccato un apposito link oppure una pubblicità. A completare la serie di pregi di Tasteet ci pensa la pubblicazione dell’app in ottica Seo (Search Engine Optimization). Tra l’altro, i ristoratori troveranno una versione del menù in formato pdf, l’ideale per stampare il documento e consegnarlo al cliente in tempo reale.

Va sottolineato come il progetto sia ancora nella fase iniziale dei test, visto che viene provato da alcuni ristoranti che si trovano a Milano. L’ambizione dei fondatori è quella di migliorare la piattaforma e i servizi offerti, ampliando la gamma di opzioni, le personalizzazioni del menù e molto altro. Il tempo per le migliorie dovrà essere comunque breve per evitare di essere superati dalla concorrenza, dunque il team aumenterà di numero (una o due risorse in più per la precisione) per potenziare il lavoro di sviluppo e proporre sul mercato un prodotto davvero competitivo.