Persone
2

Cottura

Tempo realizzazione

Difficoltà
Facile

Ingredienti

per 2 persone

  • 1 chilo di Uva
  • 1 bicchiere di Mosto d'uva
  • 400 grammi di Zucchero

La mostarda d’uva è una preparazione simile alla confettura, preparata con uva passata tramite il passaverdura o un colino e poi cotta con lo zucchero e altri ingredienti a piacere. Di solito alla mostarda si aggiunge della mela cotogna e delle pesche, inoltre viene aromatizzata con la cannella oppure con la grappa. La ricetta che segue è una variante della mostarda tradizionale. E’ stata preparata con l’uva red globe, che contiene poco succo e tanto zucchero, e il mosto d’uva. La mostarda d’uva è dolcissima e saporita, ideale per le preparazioni dolci, da spalmare sulle fette biscottate o da utilizzare come condimento.

Preparazione - Mostarda di uva

1. Staccate gli acini di uva dal grappolo e lavateli. Tagliateli a metà, metteteli in una padella antiaderente e cuocete al fuoco basso.

mostarda di uva_proc1

2. Schiacciateli con una forchetta per far uscire il succo. Cuocete fin quando non si appassiscono e si disfano quasi completamente. Passate l’uva tramite un colino, schiacciando con un cucchiaino.

mostarda di uva_proc2

3. Versate il succo e la polpa passata in una pentola. Aggiungete lo zucchero e il mosto. Mescolate e cuocete fino a completo restringimento. Trasferite in un vasetto di vetro precedentemente sterilizzato.

mostarda di uva_proc3

Ed ecco una foto della mostarda di uva pronta per essere gustata:

mostarda di uva_

Trucchi e consigli

– Le migliori qualità di uva per la mostarda sono l’uva fragola, l’uva pizzuttello e l’uva malvasia, perchè contengono tanto succo. Ovviamente anche altre tipi d’uva andranno bene, ma cambieranno i tempi di cottura e le percentuali di zucchero.

– Se volete conservare la mostarda in barattoli chiusi e per lungo tempo, mettetela in un barattolo sterilizzato e versate sopra un cucchiaino di grappa. Chiudete bene il barattolo e girate sottosopra. Lasciatelo raffreddare in questa posizione in modo da creare il sottovuoto.