A prima vista potrebbero essere scambiati per prugne, ma, in realtà gli Indigo Rose sono una varietà di pomodori dalla buccia nera, considerati un vero e proprio toccasana per la nostra salute grazie alla presenza in quantità massicce di antociani, dei potentissimi antiossidanti naturali.

Gli indigo rose sono stati creati per la prima volta dai ricercatori dell’Università dell’Oregon che hanno incrociato i pomodori comuni con una particolare varietà di pomodori viola per studiare gli effetti benefici dei pomodori sulla salute dell’uomo. Il risultato è un pomodoro con la buccia nera e l’interno rosso e polposo come tutti i pomodori.

Gli indigo rose hanno subito riscosso enorme successo grazie alla loro dolcezza e alla loro consistenza compatta che li rende particolarmente adatti per essere consumati crudi in insalata o alla griglia insieme ad altre verdure grigliate.

Al di là del loro aspetto esotico, le ragioni del successo dei pomodori Indigo Rose in tutto il mondo, Italia compresa, sta nelle loro importanti proprietà nutrizionali. Abbiamo già accennato, infatti, alla presenza di antociani, coloranti naturali presenti nella buccia e considerati dei potenti antiossidanti, capaci di intervenire sull’invecchiamento delle cellule con un’azione antitumorale e di prevenire diabete e obesità.

Questa particolare tipologia di pomodori, inoltre, è molto ricca di vitamina C e di potassio e magnesio, che aiutano a prevenire problemi cardiovascolari. La presenza di Sali minerali, infine, contrasta l’azione dei radicali liberi mantenendoci giovani e sani più a lungo.

Gli indigo rose, come tutti i pomodori quando sono acerbi sono verdi, poi durante il processo di maturazione cominciano a scurire la buccia che diventa prima violacea e poi – al culmine della maturazione – nera. In commercio si possono trovare due varietà di pomodori neri, una più piccola simile ai ciliegini detta appunto “cherry” e una più grande simile a quella dei pomodori da sugo comuni.