Persone
4

Cottura

Tempo realizzazione

Difficoltà
Facile

Ingredienti

per 4 persone

Il biancomangiare è un dolce a base di latte e amido che arriva dalla lontana Turchia e, come altri piatti turchi, è diffuso in tutta la Sicilia con molteplici varianti. Il tipico biancomangiare è fatto con latte intero, amido di frumento e scorza di limone, anche se in alcuni luoghi della Sicilia stessa viene a volte preparato con latte di mandorla. Questo dolce era un tempo preparato spesso per gli ammalati, in quanto leggero ma al contempo ricco, pertanto permetteva la veloce ripresa del malato o la sana crescita di un bambino. Data la presenza del limone grattugiato al suo interno, spesso veniva e viene preparato adagiando la crema calda su foglie di limone appena colte in modo che tutti gli oli delle foglie, trasferendosi sulla crema, le regalino un ancor più intenso gusto di limone. Ottimo servito come dessert con della buona cannella in polvere o magari un filo di miele. Oggi il biancomangiare è divenuto un dolce tipico italiano ed è stato inserito nella lista dei prodotti agroalimentari internazionali del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali.

Preparazione - Biancomangiare

1. Versate circa 600 ml del latte in una pentola, unitevi lo zucchero, la scorza grattugiata del limone e fatelo scaldare leggermente a fuoco molto basso.

biancomangiare_proc1

2. Un una ciotola sciogliete l’amido setacciato con il restante latte freddo battendo velocemente con una frusta per evitare la formazione di grumi. Versate il composto di amido e latte nel latte messo precedentemente a scaldare quindi con l’aiuto della frusta mescolate velocemente e fate addensare facendo attenzione a non farlo attaccare al fondo.

biancomangiare_proc2

3. Una volta che la crema sarà pronta adagiatela nelle coppette e fatela ben freddare per almeno 6 ore, quindi sformate il dolce e servite spolverandolo con della buona cannella in polvere.

biancomangiare_proc3

Trucchi e consigli

– Quando versate l’amido nel latte siate pronti a girare la vostra crema altrimenti sul fondo della pentola inizierà ad addensarsi formando dei grossi grumi di amido cotto, rovinando così la crema.

– Se vi accorgete che nel composto di amido ci sono dei grumi, prima di versarlo nel latte caldo filtratelo con un colino a maglie strette.

– Potete sostituire la scorza del limone con la scorza di altri agrumi a piacere.

– Potete raffreddare la crema in un unico stampo che andrete poi a capovolgere su di un vassoio porzionando il dolce a piacere.