-->

Il forno è l’elettrodomestico più sfruttato per cucinare a casa: il funzionamento è semplice, l’impianto viene portato a una temperatura adeguata, con il calore che viene condotto dall’aria calda e dal grasso del cibo (quest’ultimo si scioglie e penetra all’interno della pietanza). Il metodo può sembrare semplice, basta prestare attenzione alla differenza tra forno a gas e forno elettrico, ma per evitare errori si possono seguire alcuni semplici accorgimenti.

Forno ventilato e forno statico
Spesso si tendono a confondere il forno ventilato e quello statico oppure si pensa che non vi sia alcuna differenza, quando invece la distinzione è fondamentale. Il forno ventilato consente di cuocere più cibi nello stesso momento evitando di mescolare gli odori e garantendo una cottura omogenea. Quello statico, invece, è più lento ed è perfetto per i lievitati e le cotture “delicate”. Bisogna calcolare una differenza tra i due di 20 grandi centigradi: ad esempio, un dolce da cuocere in forno ventilato a 180 gradi va cotto in quello statico a 200 gradi.

Carne e pesce
Il carne e la pesce vanno cotti con estrema attenzione. Nel caso in cui il pesce sia di dimensioni molto grandi, bastano alcuni tagli trasversali sul fianco della pietanza per scongiurare una cottura poco uniforme. Se invece si ha a che fare con le carni, la teglia va ricoperta con cura, dato che i liquidi fuoriescono con estrema facilità e possono bruciarsi in caso di contatto con i grassi.

Patate al forno
Le patate al forno sono un ottimo contorno per il pollo e l’arrosto, ma l’errore è praticamente dietro l’angolo. Il trucco principale consiste nel lavare le patate con abbondante acqua corrente, un’azione che permette di ridurre l’amido esterno e di impedire di conseguenza che si attacchino al fondo della teglia.

Tempistica e peso delle pietanze
Altri errori possono essere evitati se si tiene in debita considerazione i principali svantaggi del forno. Ad esempio, le carni tendono a subire un notevole calo per quel che riguarda il peso. In aggiunta, i tempi e la loro conoscenza aiutano in fase di cottura: il forno richiede più tempo rispetto ad altri metodi, di conseguenza bisogna controllare costantemente le pietanze per ottenere risultati migliori.