-->

Le maniglie dell’amore e l’aumento del girovita possono essere un problema fastidioso che affligge anche le persone longilinee: tutta colpa dei grassi saturi che si vanno ad accumulare a livello addominale. A sostenerlo è un recente studio condotto dai ricercatori dell’Università di Uppsala e del Karolinska Institutet di Svezia che ha anche svelato il modo per poter ridurre gli odiosi accumuli di grasso intorno all’addome. È necessario infatti fare una concreta distinzione fra i grassi saturi e i grassi polinsaturi. Mentre i grassi saturi, che fanno anche impennare i livelli di colesterolo, sono di origine animale e favoriscono l’insorgere della cosiddetta pancetta, i grassi polinsaturi, molto abbondanti soprattutto nel salmone e nelle noci, favoriscono invece la massa muscolare e la riduzione della massa grassa.

Lo studio svedese ha monitorato 39 giovani adulti normopeso che per sette settimane hanno mangiato 750 calorie in più al giorno rispetto al necessario favorendo un aumento di peso. Ma se la metà dei giovani che hanno mangiato grassi saturi ha presentato un aumento maggiore di tessuto adiposo nel fegato e nell’addome, l’altra metà dei giovani che hanno incrementato le calorie con i grassi polinsaturi presentavano invece un aumento della massa muscolare. Il consiglio dei nutrizionisti resta senza dubbio quello di ridurre considerevolmente il consumo dei grassi presenti in cibi come la carne rossa e il burro per favorire invece cibi ricchi di grassi polisanturi tra cui il salmone e le noci.