Pasta sfoglia 5.00/5 (100.00%)
1 voti

Persone
4

Cottura

Tempo realizzazione

Difficoltà
Facile

Ingredienti

per 4 persone

La pasta sfoglia è una preparazione di base utilizzata per la realizzazione sia di ricette dolci, come la torta millefoglie o la torta diplomatica, che di ricette salate, come quiche o rustici. Il procedimento è piuttosto lungo e consiste in una serie di passaggi, chiamati anche “giri di pasta”, che servono a far si che durante la cottura la pasta si “sfogli”. Il nome sfoglia, infatti, deriva dal risultato finale: dopo la cottura la pasta appare come una sovrapposizione di una serie di strati millimetrici.

Preparazione - Pasta sfoglia

1. Per preparare la pasta sfoglia bisogna anzitutto formare il “pastello” amalgamando 350 grammi di farina, sale e acqua fredda quanto basta a formare un impasto compatto ed omogeneo. Avvolgetelo nella pellicola da cucina e lasciatelo riposare per circa mezz’ora in frigorifero o in altro luogo fresco.

2. Nel frattempo bisogna preparare il “panetto” amalgamando la farina rimasta con il burro tagliato a pezzettini. Una volta ottenuto un impasto omogeneo avvolgetelo nella pellicola da cucina e lasciatelo riposare per circa mezz’ora in frigorifero.

3. Riprendete il pastello e su una spianatoia infarinata ricavatene una sfoglia spessa circa un centimetro. Ponetevi al centro il panetto e ripiegate i lembi della sfoglia in modo tale da avvolgerlo completamente. Fate attenzione a chiudere bene i bordi. Con il matterello ricavate un rettangolo, prendete i due lati corti e ripiegateli verso il centro, dopodiché chiudete ancora il rettangolo a metà. Con un coltello incidete una tacchetta sul lato superiore della pasta e lasciatela riposare in frigorifero così ripiegata e avvolta nella pellicola da cucina per circa un’ora.

4. Ripetete l’operazione di stesura e piegatura almeno altre tre volte, lasciando sempre riposare la pasta in frigo per un’ora circa tra un passaggio e l’altro. Al termine di ogni piegatura ricordatevi di incidere la pasta con un numero di tacchette pari a quello delle piegature eseguite.

5. Dopo un’ora dall’ultimo passaggio la pasta sfoglia è pronta per essere utilizzata per la preparazione di numerose ricette, dolci o salate. La cottura avviene in forno, ad una temperatura compresa tra 180 e 200 °C e per un tempo variabile a seconda degli ingredienti utilizzati.

Trucchi e consigli

– Per ottenere una buona pasta sfoglia è indispensabile utilizzare acqua fredda e burro morbido, ma non fuso.

– La pasta sfoglia può essere utilizzata anche a distanza di qualche settimana dalla sua preparazione, basta avvolgerla nella pellicola da cucina e conservarla in congelatore. In frigorifero, sempre avvolta nella pellicola, si conserva invece per non più di due giorni.

– In base alla ricetta che si intende preparare, la pasta sfoglia può essere aromatizzata aggiungendo una o più spezie tra l’ultimo e il penultimo “giro”.

Utilizzate la pasta sfoglia fatta in casa per preparare dolci degni di una pasticceria, come i cannoli di pasta sfoglia con crema al mascarpone oppure le piccole millefoglie con crema, fragole e mirtilli. Per un aperitivo tra amici, invece, preparate le tart di pasta sfoglia con pomodorini e feta greca.

Pasta sfoglia 5.00/5 (100.00%)
1 voti