Persone
4

Cottura

Tempo realizzazione

Difficoltà
Facile

Ingredienti

per 4 persone

Gli spaghetti alla carbonara sono tra i primi piatti simbolo della cucina italiana. Come per la maggior parte delle ricette tradizionali, le sue origini sono piuttosto discusse e controverse.

I più ritengono che all’ideazione degli spaghetti alla carbonara abbiano contribuito gli americani durante la Seconda Guerra Mondiale, in quanto il loro frequente utilizzo di uova e pancetta si unì quasi naturalmente agli spaghetti, prodotto simbolo della cucina italiana. Altri attribuiscono la ricetta ad uno spazzacamino (detto anche “carbonaro”) che aprì un’osteria a Roma in cui propose questo piatto, mentre secondo altre fonti la ricetta fu ideata da un gruppo di esponenti della Carboneria nei pressi di Rovigo.

Preparazione - Spaghetti alla carbonara

1. Mettete sul fuoco una pentola di acqua salata in cui far cuocere gli spaghetti.

2. Nel frattempo versate un filo di olio in una padella e fate soffriggere per qualche minuto il guanciale tagliato a dadini, fino a quando non diventa croccante.

3. In un’ampia ciotola sbattete le uova, aggiungete il parmigiano e il pecorino grattugiati, un pizzico di sale, abbondante pepe e mescolate bene. Aggiungete anche il guanciale.

4. Scolate gli spaghetti, versateli nella ciotola e mescolate con cura. Servite subito gli spaghetti accompagnati da una spolverata di pecorino grattugiato.

Trucchi e consigli

– La ricetta originale non lo prevede ma alcuni sono soliti saltare in padella la pasta con il composto di uova, altri invece aggiungono anche della panna da cucina e del prezzemolo.

– Il guanciale può essere sostituito con della pancetta affumicata. Al riguardo, scoprite la differenza tra pancetta e guanciale.

– Riguardo al formato di pasta, solitamente si utilizzano gli spaghetti, tuttavia è possibile utilizzare anche altri tipi di pasta, come linguine o bucatini, tenendo presente che la cremosità di questa ricetta si sposa bene con tutti i tipi di pasta lunga. Nonostante ciò, tuttavia, non manca chi sceglie di proporre questo piatto con penne, rigatoni o altro tipo di pasta corta.