-->

Uno dei principali dubbi “amletici” che possono sorgere in cucina ha a che fare con il frigorifero: quali sono i cibi che non vanno conservati in questo prezioso elettrodomestico? Scopriamo gli alimenti che non si rovinano fuori dal frigo e i motivi per cui le basse temperature potrebbero rovinare le loro caratteristiche peculiari.

Cipolle e aglio
Non è raro trovare le cipolle conservate in frigorifero nelle case di molti di noi. In realtà è preferibile lasciarle in un luogo buio e asciutto, in un angolo isolato della dispensa. Il freddo del frigo, infatti, ammorbidisce eccessivamente questo prodotto e si potrebbe anche formare della muffa. Vanno comunque controllate regolarmente, altrimenti si rischia di non accorgersi della formazione dei germogli. Con una conservazione “asciutta” e accurata si possono preparare nel migliore dei modi ricette squisiti, come ad esempio la frittata di patate rosse e cipolle, dal sapore rustico e deciso. Lo stesso identico discorso vale anche per l’aglio, il quale può diventare troppo gommoso.

Zafferano
Lo zafferano, sia che si tratti dei pistilli sia in caso di acquisto delle pratiche bustine, deve essere conservato fuori dal frigorifero, più precisamente in un contenitore ermetico e in un luogo asciutto e buio (la dispensa va più che bene). Queste confezioni garantiscono che il profumo e la fragranza della spezia non vengano dispersi, oltre ad esaltare un primo piatto invitante e delizioso come la pasta con cavolfiore, salsiccia e zafferano.

Mele
Anche le mele, come molti altri frutti, si trovano spesso negli scompartimenti del frigorifero. In questa maniera si crede di preservarne la freschezza, in realtà il frigo e le basse temperature tendono a ridurre la croccantezza naturale di questo alimento e favoriscono allo stesso tempo la perdita di sapore e la formazione di una polpa troppo farinosa.

Miele
La conservazione del miele è tra le più lunghe in assoluto in ambito alimentare, ma le alterazioni possono comunque subentrare nel corso del tempo. L’umidità, il calore e la luce incidono negativamente, di conseguenza andrebbe conservato in dispensa. Il sapore si manterrà molto bene e un dolce tipico come la pignolata al miele risulterà ancora più invitante.

Pane
Il pane non va mai riposto in frigorifero, né quello fresco e appena comprato né quello scongelato dal freezer. Il motivo è presto detto: se questo alimento viene conservato in un sacchetto di carta e in dispensa può mantenere inalterata la propria croccantezza. Tostandolo al forno, invece, diventerà più fragrante.