-->

Meglio prima o dopo? Meglio a colazione o come spuntino pomeridiano? In effetti ci sono in giro un po’ di miti e leggende su frutta e verdura e in particolare in merito al modo più corretto di consumare la frutta e l’unico dato certo è che ne andrebbero consumate circa 5 porzioni al giorno, ma in che modo?

Una delle dicerie relative al consumo di frutta è quella secondo la quale non andrebbe consumata dopo i pasti per evitare di ingrassare. E’ vero? La frutta non va mangiata dopo i pasti?

La questione non è molto semplice da capire, ma, in linea di massima – secondo di gli esperti –  non c’è nessuna controindicazione nel consumo della frutta dopo i pasti per chi sta cercando di perdere peso, il problema riguarda piuttosto l’assorbimento delle sostanze nutrizionali presenti nella frutta.

Diversi studi, infatti, hanno evidenziato come la frutta andrebbe assunta a stomaco vuoto (tre ore prima del pasto o un’ora e mezza dopo) per essere digerita singolarmente dal corpo che in tal modo riesce ad assorbire tutti i nutrienti e i sali minerali in essa contenuta. Quando mangiamo la frutta dopo un pasto, infatti, l’organismo digerisce la frutta insieme agli altri alimenti, prolungando i tempi e riducendo l’assorbimento dei principi nutritivi.

Altri studi, però, hanno evidenziano anche come la frutta aiuti l’organismo a lavorare meglio dopo un pasto abbondante, poiché contiene polifenoli che hanno un’azione antinfiammatoria e depurativa.

Tornando al dubbio iniziale sulla correlazione tra l’assunzione di frutta dopo i pasti e la tendenza ad ingrassare, qualcuno noterà che in tutte le diete dimagranti la frutta non è mai associata ad un pasto, ma, viene consigliata sempre lontano da questi ultimi, perché?

La ragione sta tutta in questione di calcolo delle calorie, la frutta anche se fa bene contiene comunque zuccheri e calorie, di conseguenza, se si sta cercando di perdere peso, è necessario limitare il consumo a due, massimo tre frutti interi al giorno. I dietologi e i nutrizionisti preferiscono destinare le calorie della frutta agli spuntini, anziché ‘appesantire’ i pasti principali.

In sintesi la frutta non va mangiata dopo i pasti? Non è sempre vero, dipende dalle situazioni e dall’obiettivo che si vuole raggiungere. In linea di massima possiamo affermare che se ne consiglia l’assunzione a colazione, come spuntino durante la giornata, qualche ora prima del pasto o un paio d’ore dopo quest’ultimo, al fine di assorbire al meglio tutti i nutrienti in essa contenuti.