-->

Con i molluschi si rischia spesso di fare confusione in cucina, soprattutto tra quelli che troviamo più di frequente sulla tavola. È il caso di totani e calamari, i quali presentano caratteristiche simili tra di loro e che non è raro veder scambiati. Può infatti capitare che il pescivendolo ci venda dei totani spacciandoli per calamari, ma le differenze possono essere notate prestando attenzione ad alcuni dettagli.

Entrambi fanno parte della famiglia dei cefalopodi e decapodi, il che vuol dire che hanno dieci braccia: otto di queste sono corte, mentre le altre due vengono utilizzate per catturare le prede. Le differenze possono non essere osservate nemmeno nel sacco dei visceri, sia nei totani che nei calamari piuttosto affusolato. Le caratteristiche invece non sono simili per quel che riguarda la pinna che si trova ai lati di questo sacco.

La pinna del calamaro, infatti, ha una forma che ricorda un rombo e occupa quasi interamente il sacco stesso; nel totano, al contrario, la forma è più triangolare e di dimensioni inferiori, più precisamente nella parte finale del sacco. Trucchi per non farsi ingannare esistono, ad esempio se la pinna usata per il movimento del mollusco tende a riagganciarsi al corpo oltre la metà della testa, allora si avrà a che fare con un calamaro; al contrario, una pinna più corta e riagganciata prima della metà della testa ci indicherà la presenza di un totano.

Un elemento distintivo importante è quello del gladio, la struttura interna che riveste la conchiglia dei molluschi. Nei calamari è decisamente spesso, a differenza di quello dei totani che risulta sottile. I calamari, tra l’altro, adorano anche le zone coralline e piene di alghe, risalendo in superficie nei periodi freddi dell’anno. Persino i colori presentano delle differenze.

Quello tipico dei calamari tende al grigio-rosa, con dei piccoli puntini più scuri (quasi rossi) sul dorso. Il colore del totano è più rosso-violaceo. In cucina sono comunque perfetti per preparare deliziose ricette di mare: i totani ripieni di purea di riso sono saporiti e gustosi, la scelta ideale per imbandire una tavola estiva, mentre i calamari ripieni con purea di patate riescono a soddisfare qualsiasi esigenza. I due piatti si caratterizzano per l’eleganza del sapore, assolutamente da provare. Stesso discorso anche per l’insalata di totano con patate e avocado, perfetta soprattutto in estate, mentre non necessita assolutamente di presentazioni la frittura di calamari, il classico piatto estivo che ricorda le vacanze al mare.