Persone
4

Cottura

Tempo realizzazione

Difficoltà
Facile

Ingredienti

per 4 persone

Lo stinco di maiale, cotto al forno, alla griglia o in pentola, è il protagonista di numerosi piatti tipici della cucina tedesca. Non a caso è tra i piatti più mangiati a Berlino e viene servito durante l’Oktoberfest accompagnato da enormi boccali di birra.

Anche in Italia, tuttavia, lo stinco di maiale è un piatto molto apprezzato, soprattutto durante la stagione invernale a ridosso delle festività natalizie. Nel nostro Paese è particolarmente gradito cucinato al forno e servito con patate o con altre verdure cotte in forno, grigliate o bollite.

Preparazione - Stinco di maiale al forno

1. Eliminate l’eventuale cotenna che riveste gli stinchi e passateli velocemente sotto l’acqua del rubinetto.

2. In una ciotola capiente versate due cucchiai di olio, l’aglio, le bacche di ginepro e le erbe tritate (rosmarino e salvia). Adagiate gli stinchi di maiale all’interno della ciotola, rigirateli in modo da ungerli con il composto, coprite con una pellicola da cucina e fate riposare in frigorifero per almeno 12 ore.

3. Trascorso il tempo necessario, prelevate gli stinchi e fateli rosalare bene all’interno di un tegame, eventualmente aggiungendo prima un altro cucchiaio di olio. Sfumate con un bicchiere di vino bianco, salate e trasferite il tutto in una pirofila da forno.

4. Aggiungete un mestolo di brodo, coprite con un foglio di carta alluminio e infornate a 190 °C per circa un’ora e mezza, eliminando la stagnola circa 20 minuti prima del termine della cottura. Se durante la cottura il fondo dovesse asciugarsi troppo aggiungete un altro mestolo di brodo. Una volta terminata la cottura, servite la carne ben calda accompagnata da un contorno a base di verdure.

Trucchi e consigli

– Se preferite non utilizzare il vino per sfumare la carne potete sostituirlo con il succo di un limone.

– Durante tutte le fasi della cottura fate attenzione a non bucare gli stinchi con una forchetta o con altro utensile da cucina, onde evitare la fuoriuscita dei preziosi succhi che rendono tenera la carne.

– Se decidete di accompagnare lo stinco con delle patate potete tagliarle a tocchetti e cuocerle insieme agli stinchi fin dalla fase della rosolatura. In alternativa, potete lessarle e saltarle in padella prima di servirle.