Persone
4

Cottura

Tempo realizzazione

Difficoltà
Facile

Ingredienti

per 4 persone

Le tortine di mandorle ripiene di carote e pesche, arricchite con il Grand Marnier, sono un dolce molto particolare, profumato e dal sapore inusuale. L’impasto è preparato con farina integrale e mandorle tritate grossolamente, per fare sentire la loro presenza nel dolce. Il tutto è addolcito con lo zucchero grezzo e profumato con il limone. E’ una proposta insolita per la colazione, da servire con una tazza di tè verde caldo.

Preparazione - Tortine di mandorle con pesche, carote e Grand Marnier

1. Lavate, pelate e grattuggiate le carote finemente. Aggiungete il succo di mezzo limone e un cucchiaio di zucchero grezzo. Mescolate e mettete da parte. Lavate, sbucciate e tagliate a pezzettini le pesche.

tortine di mandorle_proc1

2. Aggiungete un po’ di zucchero e il Grand Marnier. Aggiungete le carote, mescolate e lasciate macerare.

tortine di mandorle_proc2

3. In una ciotola alta versate la farina. Tritate grossolamente le mandorle e aggiungetele alla farina.

tortine di mandorle_proc3

4. Aggiungete l’uovo e lo zucchero e alla fine l’olio. Mescolate e poi lavorate a mano per ottenere un impasto compatto. Mettetelo in frigo per 30 minuti.

tortine di mandorle_proc4

5. Dividete l’impasto in 4 parti. Stendete una parte, cospargendo poco con la farina. Ungete con l’olio gli stampini, cospargete con la farina e foderate il fondo e le pareti con l’impasto. Bucate il fondo con una forchetta.

tortine di mandorle_proc5

6. Con un cucchiaino mettete la farcitura dentro ogni stampo fino al bordo. Cospargete con lo zucchero e le mandorle. Infornate a 170-180 °C in forno preriscaldato per circa 40 minuti. Sfornate e fate raffreddare bene prima di servire.

tortine di mandorle_proc6

Trucchi e consigli

– Potete tritare le mandorle molto finemente per ottenere un impasto più compatto e friabile.

– Potete aggiungere la scorza di arancia per aumentare il sapore agrumato del liquore.

– Dopo aver sformato le tortine, lasciatele raffreddare anche un paio d’ore, altrimenti potrebbero rompersi.