Persone
4

Cottura

Tempo realizzazione

Difficoltà
Facile

Ingredienti

per 4 persone

Il pane è probabilmente tra le preparazioni più antiche scoperte dall’uomo ed è senza dubbio un alimento che ha influito in maniera determinante sulla sua storia e sulla sua evoluzione. Sebbene sia preparato con pochi e semplici ingredienti, il pane ha sempre rivestito un’importanza fondamentale sia dal punto di vista nutrizionale che sociale, basti pensare che presso gli antichi Egizi il pane veniva usato come moneta per pagare sia il salario del contadino che quello delle più alte cariche dello Stato, sebbene ai primi fosse destinato il pane di orzo e agli altri quello preparato con farina di grano.

Preparazione - Pane (impasto base)

1. Su una spianatoia ponete la farina a cui è stato mescolato il sale e lo zucchero. Se utilizzate il lievito in cubetti scioglietelo in mezzo bicchiere di acqua tiepida, lasciatelo riposare cinque minuti circa e poi aggiungetelo alla farina, iniziando ad impastare con la punta delle dita e aggiungendo a mano a mano altra acqua, sempre tiepida, fino ad ottenere un impasto omogeneo. Se utilizzate il lievito secco mescolatelo direttamente alla farina insieme al sale e allo zucchero e iniziate ad impastare aggiungendo a poco a poco l’acqua tiepida.

2. Una volta ottenuto un impasto omogeneo occorre lavorarlo per almeno 15-20 minuti. La lavorazione dell’impasto è una fase fondamentale della preparazione del pane, bisogna utilizzare il palmo delle mani in modo tale da incorporare quanta più aria è possibile e manipolare, comprimere e battere, distendendo e ripiegando più volte la pasta su se stessa.

pane preparazione

3. Terminata la fase della prima lavorazione l’impasto deve essere fatto riposare per circa un’ora coperto da un canovaccio umido e in un luogo caldo. Trascorso tale intervallo di tempo si riprende brevemente la lavorazione dell’impasto e si dà al pane la forma desiderata. A questo punto si procede alla seconda lievitazione, che ha una durata compresa tra una e due ore a seconda della temperatura del locale.

4. Terminata la seconda lievitazione non resta che informare il pane ad una temperatura di 220 °C per circa 25 minuti. Il tempo di cottura varia in base alla forma che è stata data all’impasto.

Trucchi e consigli

– Il forno ideale per far cuocere il pane è quello a legna o a gas. Tuttavia, anche chi non dispone di un forno a legna o a gas, può allo stesso modo riuscire a cuocere il pane in modo ottimale.

– Per capire se il pane è cotto è possibile fare la prova dello stuzzicadenti. Alcuni controllano la cottura battendo sulla base del pane: se il suono è sordo è ancora crudo, se è secco è pronto.

– Anche il raffreddamento rappresenta una fase molto importante nella preparazione del pane. Una volta tolto il pane dal forno occorre infatti tenerlo in un luogo asciutto e areato, in modo tale da evitare la condensa del vapore che viene emanato. In alternativa lo si può mettere su una graticola coperto con un canovaccio di cotone.

Provate a preparare in casa anche altri tipi di pane, come ad esempio il pane integrale alle olive nere, il pane alle nocciole o la ciabatta integrale.