Persone
4

Cottura

Tempo realizzazione

Difficoltà
Facile

Ingredienti

per 4 persone

Gli anelli di cipolla fritti (onion rings) sono un tipico piatto da fast food molto diffuso negli Stati Uniti e da qualche anno a questa parte apprezzato anche in Italia. Si tratta di anelli di cipolla pastellati e fritti in olio di semi bollente che vengono serviti come contorno del classico hamburger in sostituzione, o anche in aggiunta, delle patatine fritte, tuttavia si prestano anche a diventare un delizioso snack da consumare accompagnato con salse, tra cui soprattutto ketchup, salsa barbecue o la classica mostarda. Gli onion rings sono molto buoni soprattutto caldi, in quanto la pastella risulta croccante e friabile, tuttavia sono apprezzabili anche freddi, inoltre sono ideali per un simpatico aperitivo tra amici.

Preparazione - Anelli di cipolla fritti (onion rings)

1. Iniziate pelando le cipolle, affettatele in modo da ricavare delle fette spesse almeno 6 millimetri, quindi dividete tutti gli anelli, riponeteli in una ciotola piena di acqua molto fredda e lasciateli a bagno per 15 minuti in modo che perdano la piccantezza tipica della cipolla, quindi scolateli e lasciateli qualche minuto a sgocciolare.

anelli di cipolla fritti_proc1

2. In una scodella unite le farine e passatevi gli anelli di cipolla uno ad uno facendo in modo che la farina si attacchi sopra, questa operazione servirà ad asciugare l’umidità della cipolla. Una volta terminata l’operazione di infarinatura degli anelli, alla farina rimanente unite il lievito ed il sale e amalgamate il tutto con il latte creando un composto liscio e ben denso.

anelli di cipolla fritti_proc2

3. Passate gli anelli infarinati nella pastella e abbiate cura di far cadere il composto in ecceso, quindi cuoceteli per qualche minuto, fino a che non si saranno dorati nell’olio bene caldo, scolateli e serviteli.

anelli di cipolla fritti_proc3

Trucchi e consigli

– Per mantenere in caldo gli onion rings durante la frittura, scaldate il forno a 100 °C e teneteli in caldo all’interno in una teglia foderata di carta forno.

– Se la pastella risultasse troppo dura, allungatela con dell’altro latte o acqua.

– Il latte della pastella può essere sostituito con dell’acqua fredda naturale o gassata.