-->

Un dessert amato e apprezzato in ogni parte del mondo: la cheesecake, la celebre torta fredda a base di crema di formaggio fresco, sa conquistare il palato con il suo gusto proposto in numerose varianti. Ma chi ha inventato questo dolce? La storia è davvero affascinante e lunga, dunque torniamo indietro nel tempo.

Le prime cheesecake della storia
La prima cheesecake della storia viene fatta risalire addirittura a duemila anni prima della nascita di Cristo: quattromila anni fa, infatti, gli antichi Greci dell’isola di Samos erano soliti utilizzare il formaggio in questa maniera, come testimoniato da alcuni scavi archeologici. Tra l’altro, queste torte erano considerate un’ottima fonte di energia ed è molto probabile che siano state servite agli atleti dei primi Giochi Olimpici del 776 a.C. Il dolce, inoltre, era tipico dei banchetti nuziali.
La prima persona ad aver annotato la ricetta della cheesecake fu Ateneo di Naucrati, autore di almeno due opere storiche, nel 230 d.C. In particolare, lo scrittore consigliava di lavorare il formaggio fino a farlo diventare liscio, unendolo poi al miele e alla farina. Tuttavia, quando i Romani conquistarono la Grecia, apportarono alcune modifiche alla ricetta originale, includendo soprattutto le uova e altri tipi di formaggio. La torta venne inoltre ribattezzata “libuma” e veniva servita in occasioni molto speciali. La più antica ricetta romana della cheesecake è quella annotata da un politico dell’epoca.
Per la pubblicazione del primo ricettario ufficiale bisognerà attendere il 1545, in cui la cheesecake veniva descritta come un cibo a base di farina dolce: persino lo “chef” personale di Enrico VIII fornì un contributo fondamentale in tal senso, tagliando il formaggio in pezzi molto piccoli e mettendo tutto a mollo nel latte per tre ore.

La cheesecake nel ‘700 e ‘800
Bisognerà aspettare comunque il XVIII secolo per arrivare a una torta che può sembrare molto simile a quella a cui siamo abituati ai giorni nostri. Inizialmente furono alcuni paesi europei a utilizzare uova sbattute piuttosto che il lievito per ottenere la base. Alcune ricette furono poi trasferite negli Stati Uniti da chi si recò nel paese per popolare le prime città. La crema di formaggio, infatti, è una innovazione tutta americana: nel 1872 un produttore lattiero-caseario voleva replicare il formaggio francese Neufchatel, ma per sbaglio scoprì un processo che consentiva di ottenere la crema, poi brevettato e acquistato dalla Kraft Cheese Company nel 1928.

La cheesecake oggi
Nel tempo quella che può essere considerata la ricetta originale della cheesecake ha subito tantissime modifiche, tanto da essere diventata un dolce diverso a seconda del luogo in cui lo si preparara e dei gusti personali delle persone a cui è destinato. Oltre a quella che viene identificata come l’originale New York cheesecake, ovvero una cheesecake che necessita di cottura in forno, pur essendo poi servita come dolce freddo, esistono ricette che consentono di preparare questo delizioso dolce omettendo il passaggio della cottura, ricette particolarmente gradite durante la stagione estiva, non a caso spesso guarnite con frutta fresca. Qualche esempio? La cheesecake alle fragole, la cheesecake ai frutti di bosco e la cheesecake al limone sono tra le più diffuse, ma con lo stesso metodo è possibile preparare anche una deliziosa cheesecake al caffè e cocco o, per i più golosi, una cheesecake alla Nutella, apprezzatissima dagli amanti di questa celebre crema spalmabile.
Riguardo al formaggio utilizzato, spesso si prediligono formaggi spalmabili tipo Philadelphia o anche il mascarpone, anche se chi preferisce preparare un dolce più leggero è solito optare per l’utilizzo della ricotta. Se volete sperimentare quest’ultima variante vi consigliamo di provare la cheesecake ricotta e cioccolato, un abbinamento a dir poco perfetto!