-->

Il problema principale di qualsiasi tipo di frittura è senza dubbio l’odore che si crea in tutta la cucina: può durare per diverse ore e spesso vengono suggeriti consigli per evitare l’inconveniente che però rischiano soltanto di rovinare il sapore del cibo. Esistono al contrario degli accorgimenti che risolvono il problema e che non incidono affatto sul fritto e il suo gusto. Vediamo nel dettaglio come friggere in tutta tranquillità.

Fettine di mela
Il primo consiglio, ritenuto tra i più efficaci in assoluto, è quello di inserire nell’olio ancora freddo delle piccole fette di mela: si tratta di un trucco che risulta molto utile quando bisogna friggere parecchio. Le fettine servono proprio ad annullare e prevenire il cattivo odore, inoltre aiutano a capire quando la temperatura dell’olio è giusta, visto che la mela ci “avverte” con il tipico rumore dello sfrigolio. I tipici semini del frutto, comunque, devono essere rimossi prima dell’utilizzo.

Aceto
L’aceto è un valido alleato quando si tratta di risolvere i problemi degli odori di fritto. Il rimedio è più che valido in caso di fritto di pesce. È sufficiente mettere a bollire un po’ d’acqua e di aceto in un piccolo tegame e attendere l’ebollizione mentre l’olio frigge: il pentolino deve continuare a sobbollire fino a dopo la fine della frittura e dell’odore non vi sarà traccia. Se l’aceto e il suo tipico odore non sono graditi, si possono far bollire nell’acqua alcuni chiodi di garofano: il vapore generato in questo modo sarà ugualmente efficace.

Limone
Anche il limone ha un effetto di annullamento incredibile sul fritto e l’odore che rilascia. In questo caso bisogna spremere nell’olio freddo la metà del succo di questo frutto, senza dimenticare di immergere il limone utilizzato con tutta la buccia. Il risultato positivo sarà duplice: il fritto avrà un aroma ancora più piacevole e non ci si dovrà preoccupare di areare faticosamente la cucina.

Spezie ed erbe
L’ultimo consiglio riguarda alcune spezie ed erbe. Anzitutto, nell’olio da usare per la frittura va aggiunto del prezzemolo intero. Una volta completata la frittura stessa, poi, si deve mettere a bollire un pentolino con acqua, chiodi di garofano e alloro, un rimedio che funziona immediatamente.

Provate se i consigli funzionano sperimentando alcune ricette che prevedono la frittura, come ad esempio i finocchi fritti, la polenta fritta, i gamberi croccanti alla polenta, le cotolette di alici, i cavoletti di bruxelles in pastella o lo foglie di salvia fritte in pastella.