Persone
4

Cottura

Tempo realizzazione

Difficoltà
Facile

Ingredienti

per 4 persone

La vellutata di asparagi è ottima sia come primo piatto che come piatto unico per una cena leggera. Nonostante l’arrivo degli asparagi coincida con quello della primavera, questa deliziosa crema è perfetta per salutare gli ultimi freddi con un piatto caldo e invitante. Si prepara aggiungendo agli asparagi anche delle patate e qualche cucchiaio di panna, che contribuiscono a dare alla vellutata la giusta consistenza. Aromi come il pepe e il prezzemolo completano il piatto.

Preparazione - Vellutata di asparagi

1. Lavate le patate, pelatele e tagliatele a tocchetti piccoli. Lavate gli asparagi, eliminate l’estremità inferiore, quella più dura, e tagliateli a pezzetti, avendo cura di tagliare a pezzi più piccoli la parte inferiore e a pezzi più grandi le punte. Tritate grossolanamente lo scalogno.

2. In una casseruola piuttosto capiente fate soffriggere lo scalogno in due cucchiai di olio per un paio di minuti circa. Aggiungete le patate, gli asparagi e il prezzemolo fresco, mescolate per qualche istante e aggiungete un paio di mestoli di brodo. Coprite e fate cuocere fino a quando sia le patate che gli asparagi non risultano morbidi. Se il fondo di cottura dovesse asciugarsi troppo aggiungete altro brodo.

3. Una volta che le patate e gli asparagi sono cotti scolateli e trasferiteli nuovamente nella pentola di cottura. Con l’aiuto di un frullatore a immersione frullate il tutto in modo tale da ottenere una crema omogenea, aggiungete la panna e regolate di sale e di pepe. Fate cuocere per qualche minuto, trasferite nei piatti da portata e servite la vellutata ben calda, magari accompagnata da crostini di pane tostato.

Trucchi e consigli

– Se la vellutata dovesse risultare troppo densa potete aggiungere del brodo o dell’altra panna. Se invece risulta troppo liquida fatela cuocere per qualche minuto in più, preferibilmente prima di aggiungere la panna.

– Prima di frullare il tutto tenete da parte quattro-otto punte di asparagi e utilizzatele per la decorazione del piatto, insieme ad una spolverata di pepe e a qualche foglia di prezzemolo.